Chi sono - Le Zoie
15329
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-15329,ajax_fade,page_not_loaded,,columns-4,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Michele Dal Bon

Michele nasce a Venezia il 27 marzo 1966.

Il padre Marco è un’abile commerciante ed un raffinato collezionista ed inconsapevolmente trasmette a Michele la passione per il bello e per gli affari.

Nel 1994 Michele con poche risorse apre il suo attuale negozio di calle dei Boteri rilevando un negozio di maschere da tempo chiuso.

Nel 1995 conseguentemente all’incendio del Teatro La Fenice, Michele propone al Teatro veneziano una collaborazione.

Dopo aver esposto la sua idea, Dal Bon, ottiene l’esclusiva per la vendita e la commercializzazione di Gioielli ispirati alla Fenice. I gioielli vengono esposti e venduti direttamente al Palafenice, sede temporanea del Teatro, durante gli spettacoli e parte degli utili raccolti vengono destinati alla ricostruzione del tempio della lirica veneziana.

 

L’idea piace e Dal Bon viene incaricato dal Teatro di progettare una serie di gadgets, tuttora venduti all’interno del Book Shop di Campo San Fantin. Nel 1996, viene chiamato a far parte del collegio periti ed esperti della Camera di Commercio di Venezia dove conosce l’antiquario Marco Redolfi, grande amico di suo padre che lo incoraggia ad acquisire la licenza di antiquariato.

Michele non si sente ancora pronto e rifiuta. Inizia invece la sua collaborazione come perito in preziosi eseguendo molteplici expertize per banche, enti privati e statali ed importanti famiglie venete.

In questi contesti, riesce ad acquisire importanti gioielli firmati ed antichi iniziando a rifornire il suo negozio di piccoli capolavori di gioielleria ed arte minore.

Nell’ottobre del 1997 in occasione del bicentenario della caduta di Venezia, presenta all’Hotel Metropole la collezione di gioielli “Serenissima“ ispirata all’architettura veneziana e dalla quale nasce poco dopo la collezione di gioielli “Le Zoie” da cui prende nome la sua azienda.

Nel 1998 la collezione viene venduta in Giappone ed esposta alle fiere di Vicenza e di Bang-kock .

 

Nel 1999 continua l’esperienza fieristica, Michele presenta a Vicenza una collezione di Gioielli museali ispirati ad Aquileia ed al mondo bizantino e collabora con un’azienda vicentina disegnando una linea più moderna.

 

Nel 2003 Dal Bon decide di frequentare un master all’Università Bocconi di Milano, è il primo Master di gestione e marketing dedicata alla gioielleria in Italia.

Qui conosce i rampolli delle più grosse realtà di gioielleria italiana e i relativi managers, con suo grande stupore scopre che a detta dei docenti della Bocconi, il settore orafo italiano, in termini di marketing è all’età della pietra.

L’esperienza si rivela fondamentale per il prosieguo della sua azienda.

Dal Bon torna a Venezia, abbandona la produzione all’ingrosso di gioielleria ed inizia a concentrarsi sul suo negozio, ha capito finalmente dove andare…… .

 

Cresce il suo interesse per l’antiquariato e parallelamente alla vendita di gioielleria antica e firmata, comincia a visitare importanti pinacoteche italiane ed estere e a frequentare le più importanti case d’asta italiane ed internazionali.

Grazie all’amicizia ed ai consigli del Prof. Luigi Fantelli e dello storico d’arte Piero de Fina, inizia ad affinare le proprie conoscenze e a studiare la pittura antica.

Il 2004 è l’anno della svolta, decide di cambiare il proprio brand in “Le Zoie Jewels & Antiques”.

Dal 2004 ad oggi Dal Bon ha continuato la sua attività di gioielliere-antiquario, incrementando il commercio di gioielleria antica e firmata:

 

  • Cartier
  • Seaman Schepps
  • Bulgari
  • Boucheron

 

concentrando la propria attenzione sulla ricerca di antiquariato veneziano, piccoli capolavori di arte minore veneziana e di dipinti italiani ed europei.

Attualmente partecipa come espositore alle fiere d’antiquariato di Parma e di Modena, oltre alle più importanti fiere Francesi ed Europee.